Segnala un prof Auto segnala un masterprof
Home page - Parlano di MasterProf - Contattaci

Storie dei MasterProf italiani
Matteo
Ruffoni
Matteo Ruffoni "Insegno perchè penso al futuro dei miei studenti, qualsiasi esso sia dovrà essere felice. Sono entusiasta del lavoro che faccio."
Ordine di scuola Medie Materia disciplina Matematica / Scienze / Informatica Regione Trentino Alto Adige

Pratiche educative innovative
Coding, tanta rete e cooperative learning, insieme per un apprendimento veramente efficace (https://docs.google.com/document/d/1h1y5-IAwzI4dbCTuCDVyPu_IGTEDkapB6jw53MgPvlY/pub).

Contributo all'apertura mentale degli studenti
Insegna il rispetto tra le persone, e l'ascolto. Insegna loro a discutere con strumenti assembleari: parlare uno alla volta, e poi riassumere le diverse opinioni e, se è il caso, a votare. Cerca di insegnare loro ad usare gli strumenti come le mailing list e i forum utilizzando la rete in modo responsabile (https://docs.google.com/document/d/1oxTqVcEGJAiWSvgCaIwxQTuV5MpocHuTBdYLTp3S3WU/pub e http://www.slideshare.net/mattruffoni/navigazione-consapevole).

Valorizzazione della "professione docente"
Anima e coordina la lista Wii - Libera la Lavagna (https://groups.google.com/forum/?hl=it#!forum/wii_libera_la_lavagna) nella quale più di 800 adulti, insegnanti e genitori, usano software libero per liberare l'apprendimento dei giovani studenti.

Premi e riconoscimenti
2008-2009: tra i primi classificati al Rally matematico con la 2A dell'IC Valle dei Laghi. 2012: Qualificato alle finali nazionali di FameLab a Perugia. 2014: Premio Speciale - Contest "Azioni per la cultura digitale" - Formez. Aprile 2015: Elia 9 anni gli scrive un messaggio dopo un pomeriggio di coderdojo. Delete Segnalazione eli_3: - maestro non mi scorderò mai il proverbio l'uomo "previdente non manca mai di niente".

Ulteriori considerazioni
Anni scolastici 2007-2009, Istituto comprensivo Valle di Ledro, ci arriva dopo anni di insegnamento ed in provvisorio esilio da Enaip, l'hanno fatto fuori e quindi.... Quei piccoli sono fantastici e meritano il suo impegno e allora: cooperative learning "a motore", gli allievi vengono, con il dovuto tatto, classificati in qualità di: matematici, poeti e ragionieri, ed i gruppi vengono formati componendo le tre qualifiche. Tanta matematica, ricorda un paio di interminabili lezioni sul perchè delle radici quadrate con tanto di disegno che ne spiega l'algoritmo!!! ...poverini. E poi ancora OpenStreetLedro per mappare la valle in OpenStreetMap, lezioni in bicicletta e la vittoria al Rally Matematico e la meridiana della scuola... molti dei suoi piccoli studenti di allora li rivede adesso a distanza di 8 anni, i bravi sono diventati bravissimi, e soprattutto sono studenti appassionati, ed anche i meno bravi hanno trovato la loro strada, inserendosi in modo dignitoso nel mondo del lavoro. Un paio di loro sono ancora alla ricerca del loro futuro, e sono un po' in difficoltà, felicissima invece una delle sue alunne preferite che è riuscita a crescere coeva ai suoi compagni accolta e inclusa, come doveva essere, dalla scuola dell'inclusione. Già da allora i più bravi gli chiedevano di poter usare i GPS nel fine settimana, per tracciare i sentieri che avrebbero percorso per recarsi alla Festa della Fioritura in Malga Dromaei, o si ritrovavano a casa ad allenarsi per il rally, mentre gli altri preferivano interminabili partite di pallone, ma tutti, tutti loro hanno imparato ad imparare con entusiasmo, a rispettare e a condividere i saperi dell'uomo.

Io insegno perchè...
«Anno 1985, Università di Pavia, aula ad emiciclo, seconda lezione di Analisi 1. ...al secondo esercizio proposto, anche a causa dei pertinentissimi e genialissimi interventi di Giulio Lunati, mio compagno di corso, paragonandomi a lui, comprendo che non sono fatto per intraprendere la carriera di matematico professionista... ...lui sì invece. Non che ci avessi creduto molto prima, matematica l'ho scelta perché aveva meno esami di fisica, e non si andava in laboratorio, ed era (ed è) un po' più concreta di filosofia. Ecco quel giorno di quell'anno ho scelto, a 18 anni, che sarei diventato un insegnante di scuola, come il mio amatissimo prof. Manfredi Loblanco . . e da quella scelta tutte le conseguenze del caso: il piano nazionale di informatica (1999), il cooperative learning (2003, grazie prof. Giorgio Chiari), le nuove tecnologie (dal 1994 e nella scuola dal 2000, grazie a linux con Software Libero). E tanta attenzione agli altri, alla cura delle relazioni, e alla ricerca di un futuro per i miei studenti, qualsiasi esso sia dovrà essere felice, e a preservarmi entusiasta del lavoro che faccio.»

Link
Web
Facebook
CoderDojo Riva del Garda

Master Prof in Italia
Ordine alfabetico MasterProf Regioni MasterProf Elementari Medie Superiori

Conosci un MasterProf? Sei un MasterProf?